presentiamoci un po'

Pasticci, Colori e Fantasia! Tre pesti in allegria. Semplicemente il mio mondo, me: passioni, pensieri , ricette...
Le mie due favolose pesti e il pestifero!!! (e l'angioletto.. ovvero me che sopportano!)

3 ottobre 2011

Tradizioni - Un insolito leggero pasticcio ferrarese con tanti "senza"


Finalmente una settimana pesantissima è finita...  un'altro week.end di fuoco però è già alle porte.
Dopo aver superato l'empasse scolastica ed aver sonoramente messo nero su bianco cosa penso della scuola di mia figlia in questi  ultimi tempi...  avevo bisogno di un relax in cucina... 
Da tempo ho voglia di gustarmi un bel pasticcio ferrarese, una torta di pasta sfoglia leggera riempita da una pasta ben condita... ma per non fare torto alla cucciola, non l'ho mai comperato... Già comperato perchè farlo a casa è veramente laborioso.
Ma per questa volta si può provare...  magari allegerendo la sfoglia esterna e facendone una più veloce.
L'originale prevede pasta sfoglia, pasta tipo penne rigate, ragù di piccione, besciamella, funghi e tartufo.
Ho capito che no farò mai il tradizionale pasticcio ferrarese.. il piccione è abbastanza faticoso da trovare..non parliamo poi del tartufo.. anche se di qualità inferiore, ci accontenteremo di questa nuova versione della "tradizione"...  nelas peranza nessuno si lamenti, soprattutto a casa!



Il ragù: soffritto di cipolla, carote, sedano, carne, vino e salsa di pomodoro.. ho aggiunto al soffritto una zucchina sminuzzata..e cotto per un'oretta, sinchè la carne ha assorbito per bene il pomodoro...
Una bella besciamella di farina di riso, burro (poco) per il rouh iniziale e completata con latte, sale e tanta noce moscata.
Un bel piatto pieno zeppo di penne rigate (finalmete ho provato la Dialsì che in molti decantano per qualità/prezzo).. a me sinceramente non è tanto piaciuta, almeno scondita, che ho cotto seguendo le istruzioni in abbondante acqua bollente salata, e scolate.
Funghi secchi ammollati con acqua calda, una bella manciata!
Infine un panetto di pasta briseè di Felix .. leggermete modificata secondo gusti personali ..e dispensa!
Così ho mescolato 200 gr tra Coop senza glutine e Glutafin Select - 100 gr di burro  - 50 ml di acqua, fatto un panetto e messo a riposare un po' in frrigorifero.


Finito il tempo del riposo, ho acceso il forno a 200°C, tirato la pasta e messa in una teglia rotonda con bordi alti, imburrata e leggermete infarinata (con farina di riso di Zangirolami). ritagliato l'eccesso (servirà a farle il cappotto sopra).
In una ciotolona ho mescolato le penne (cotte) rigate, la besciamella e il ragù, aggiunto i funghi secchi ammollati, tagliandone a pezzi diversi, amalgamato, e capottato il tutto nella  teglia di sfoglia brisèè.
Ho appiattito il più possibile la psta, tirato la rimanenza dell'involucro e coperto la pasta, cercando di chiudere e sigillare bene i bordi. Infornato per 10 minuti a 200 °C, per poi abbassare altri 35-40 minuti a 170°C.


Il massimo del pasticcio ferrarese è mangiarlo freddo, da noi infatti lo fanno in piccole monoporzioni che puoi magiare camminando per strada.. ma è veramnte costoso e nessuno lo produce in versione gf! Oppure si può mangiarlo leggermete tiepido. In ogni caso, dopo essere sfornato.. ma non sforMato.. deve riposare un bel po' prima di essere servito, così l'interno si assesta per benino!
Fatto stà che è stato apprezzato da tutti in casa, per fortuna, facendo anche più volte il bis...  e io che ne avevo fatto uno piccino.. inoltre  perv ervitare di fare una gaffe... culinaria.. l'acqua calda per buttare i gnocchetti era prontissima..  invece.... ho vinto io! Si , è da provare. Magari la prossima volta verrà anche più bello e perchè no...con la sfoglia vera...  chissà. Per ora sono contenta e soddisfatta!


Ah proposit di tradizioni...  mi sono dimenticata che quest'anno il "tradizionale" Baloons festival che si svolge a Ferrara è stato alquanto deludente.. ad esclusione dei sabati e delle domeniche, durante la settimana non vi era proprio nulla da vedere..se si parla di monglolfiere...(per fortuna il villaggio dello sport era belo vivo!) e il bello era vederle partire, gonfiarle etc... quest'anno ecco le foto di quelle che abbiamo visto partire durante i pomeriggi della settimana del Festival.


Il leone di Francia, quella giallo ocra in basso sulla sinistra.. ovvero la mongolfiera più piccola del mondo..ed una sorella grande, partita soltanto perchè è quella con i voli prenotati, infatti ha un cesto gigante sotto (qui non si vede). Basta. Dopo questo abbiamo rinunciato a vedere le partenze degli altri giorni, che non sono state tante...