presentiamoci un po'

Pasticci, Colori e Fantasia! Tre pesti in allegria. Semplicemente il mio mondo, me: passioni, pensieri , ricette...
Le mie due favolose pesti e il pestifero!!! (e l'angioletto.. ovvero me che sopportano!)

20 febbraio 2012

Rivistazione del "SeaFood Chowder"



L'ultimo  numero di Cucina Naturale ( Febbraio 2012)  ha lasciato nel cuore e nella mente mia una ricetta che dovevo ad ogni costo fare, rubando alle rifatte di questo mese un poco di quei buoni e sudati calamari... e così.. tanto per andare verso la ricetta pubblicata ma..girandoci lontano per via degli ingredienti.. nel castello questa settimana è entrata una insolita zuppa di pesce, non troppo abbronzata ma nello stesso tempo corroborante e delicatissima.. apprezzatissima da tutti!
Premetto..  non avevo trovato una pezzatura di pesce che mi attirava e mi soddisfacesse così ho omesso il pesce e puntato sui calamari, inoltre niente frutti di mare.. doveva essere una congiura quel giorno..solo vongole e cozze al naturale..  le vongole erano belle, le cozze no..ma non ho sofferto la loro mancanza visto che non mi piacciono proprio!


Dall'Irlanda ..
Seafood Choweder.. ma a modo mio
(zuppa di pesce..e frutti di mare....che non avevo!)


Brodo di pesce (almeno 500-600 ml) caldo
200 g di polpa di pesce (che ho cambiato con stessa quantità di calamari tagliati a pezzettoni e rondelle)
100 g di vongole (le ho prese grosse al naturale)
200 g di crostacei scottati, per me mazzancolle fresche, leggermente saltate in padella con poca acqua
1 piccola cipolla
2 patate medie tagliate a tocchettini
1 carota tagliata piccina
1 porro tagliato a rondelline sottili
Prezzemolo tritato (purtroppo io da freezeer)
1 bel e buon bicchiere di vino bianco secco
olio evo (4 cucchiai) oppure burro, un cucchiaio abbondante
2 cucchiai di panna da cucina (Creme cusine per me, a base vegetale)


In una pentola alta metto cipolla, carota, porro e rosolo nell'olio, aggiungo la patata e lascio cinque minuti, dopo di chè aggiungo i tocchetti (di pesce) calamari e mescolo delicatamente bagnando piano piano con il vino.
 Quando il vino è ridotto di almeno metà, unisco il brodo di pesce, le mazzancolle e le vongole e lascio cuocere controllando di tanto in tanto le patate (non ci vorrà molto).
Dopo qualche minuto aggiungo la panna e prezzemolo, aggiusto di sale e pepe e copro e spengo la fiamma.

Servo calda con una spolverata di prezzemolo sopra!