presentiamoci un po'

Pasticci, Colori e Fantasia! Tre pesti in allegria. Semplicemente il mio mondo, me: passioni, pensieri , ricette...
Le mie due favolose pesti e il pestifero!!! (e l'angioletto.. ovvero me che sopportano!)

31 ottobre 2012

Zucche, mostri..fantasmi e streghe, sorprese della "notte" di Ogni Santi



Quest'anno, per scelta, cercherò di non portare le pesti in giro per il paese...niente dolcetto o scherzetto, un po' per il freddo (per fortuna!) che questa volta ha sorpreso me, che sono sempre calorosa in pieno inverno.. un po' per il disappunto che mi viene ogni qual volta alle porte dei conoscenti non trovo nulla di gf per la peste piccola...   non devo sempre essere io a portare il pacchetto o avvisare, basta! Se nessuno si preoccupa..perchè lo debbo fare io?
Siccome una vena di cattiveria l'ho insita all'interno..  le pesti vanno a scuola (con somma invidia dei compagni) con merende fatte in casa e spesso specialissime.. colorate, profumate...   visto poi le esperienze recenti mi sono stancata di pensare agli altri. Penso alle mie, basta.
Se poi i compagni invidiano la pizza con le forme di Hello Kitty, o il cup cake rosa con stelline.. i biscottino con nome, le focacce salate con il prosciutto...  e vanno a casa a domandarne.. non mi preoccupo più.

Quest'anno sicuramente saranno scheletri e mostri ovunque, zucche e biscottoni colorati.. ma presi dal panettiere (glutinoso) con accattivanti forme, fatti a casa credo se ne vedranno veramente pochi..una..due se qualcuno ha avuto un momento di follia sennò...supermercato assalito.
In paese nei forni nostrani ho visto alcuni biscotti a tema.. ma devo dirla tutta? Orribili!! Non spenderei mai quel che domandano per comperare zucche mal fatte... sbordate. tanto vale che le facciano le pesti a casa, sono molto più brave! (colpa di halloween che sono acidella oggi?!vabbè.. non solo oggi.. hi hi hi).

25 ottobre 2012

Sua Signoria il.. "Pollo Tonnato"


Detta così è strano, lo ammetto.. ma a dirla tutta..preferisco il pollo al vitello..in tante ricette!! Il pollo mi permette di creare e plasmarlo a mio piacere..il vitello meno, molto meno... e così anche la versione economica e sprint del classico vitello tonnato si trasforma in un pollo tonnato... e pure sporcando poco la cucina!

Pollo Tonnato

Ingredienti:
Un petto di pollo bello grande e sodo
Pentola colma di acqua
carote
cipolla
sedano

Per la salsa tonnata
una scatola di tonno, preferisco quello in olio
Un uovo freddo
olio di semi , o come faccio io, metà semi di girasole metà olio EVO
sale
aceto o limone
senape senza glutine
qualche cappero

Nella pentola a freddo unisco verdure spuntate e lavate, il pollo e porto a bollore..cuocerà per una trentina di minuti, anche più, dipende dal pollo. Lascio intiepidire dentro la pentola poi lo scolo e termino il raffreddamento.

Frattanto preparo la salsa seguendo le istruzioni della maionese sprint come spiega Rosamunda qui..ma aggiungendo il tonno e i capperi alla fine. Conservo il barattolo ben coperto in frigo.
Quando il pollo è freddo lo taglio a fettine sottili, le dispongo in una pirofila o piatto dove ho già posizionato una base di salsa tonnata fredda, e ricopro le fette con altra salsa.
Decoro a piacere con limone a fette sottili o capperi interi.

Lascio riposare qualche ora, mangiato il giorno successivo è ancora meglio poichè la carne ha assorbito per bene la salsa.

Un secondo o antipasto comodo, veloce ed economico che non fa sfigurare e non fa rimpiangere il vitello.

20 ottobre 2012

Keftà ... sprint, a modo mio



Una grigliata in compagnia, tranquillità, montagne di salsiccie, zucchine, peperoni, melanzane, braciole..petti di pollo... pane (sempre alla griglia)...alla fine difficilmente non rimane qualche cosa. Ma come riproporre le stesse pietanze, magari ripassate al microonde e sperare che le pesti non si lamentino?
Semplice, basta camuffare tutto e andare all'estero. No Fermi.. non si deve prendere l'aereo e fuggire..anche se un pensierino per staccare da fare ci può stare, intendevo dire ai commensali di che li attende una pietanza estera molto molto particolare..
Passiamo in Marocco e gustiamoci un Keftà di pollo, con semplici mosse e tanta fantasia.
I Keftà si possono riassumere in polpette speziate, ve ne sono di tanti tipi, io visto gli ingredienti "avanzati" ma non per questo meno buoni,  prendendo i petti di pollo alla piastra e le melanzane grigliate ...speziandole con peperoncino, curcuma e qualche briciola di chiodi di garofano... ho giocato con la forma e voilà, veloce, semplice, gustoso..intrigante!!!


15 ottobre 2012

Rifatte Senza Glutine...Pasta con crema di peperoni


Siamo Tornateeeeeeeeeeeeeeee!!! No non è una minaccia, solo una constatazione: le rifatte senza glutine sono tornate, e con tante novità. prima di tutto il blog delle Rifatte! Poi le nuove regole per partecipare e importantissima la lista dei piatti di quest'anno, già pronta per ogni mese del gioco. siete pronti? Io si!


Ricordate? Ogni 15 del mese rifacciamo una ricetta del mondo blogger sglutinato...
Oggi siamo a casa di "La Celiaca Pasticciona" e ci invita ad assaggiare un primo piatto da urlo!
Pasta con crema di peperoni! WOW!!! Da non perdere davvero!!!


Aglio 
peperoni rossi
 cipolla 
basilico
pomodori 
panna da cucina (io metà brick di panna di soia), 
Tagliolini (io molino Ferro al mais)

Per le istruzioni seguite Elena passo passo, anche per le soluzioni alternative: ci sono ideuzze accelera tempo favolose.


A casa nostra è stato promosso a pieno titolo, nonostante il mix di ingredienti che lasciavano unpo' a bocca aperta, invece....  la peste grande se n'è è fatta una scorpacciata!!! Peccato aver messo poca pasta a questo punto. Fresca crema che non guasta mai per rimanere con i profumi e sapori dell'estate nel piatto...inoltre la si può invasare o congelare per l'inverno... non male!!!

Questa era la versione per la peste piccola..tanta panna per alleggerire il peperone che non sempre ama.

Il prossimo mese a casa di Oxana, per gustare dei Bilins di ceci, ricotta e zucca ! Non vedo l'ora.

6 ottobre 2012

Quanti modi di fare e rifare: Palline di semolino ... ma con il "trucco"


Non c'è la posso fare ad essere puntuale in questo periodo!! Sarà l'aria di primavera che stà arrivando tumultuosa e frizzante...sarà il tepore del sole che scalda le case e illumina i giardini..
Sarà che il profumo dei frutteti in fiore di questo rinvigorisrsSSSSSSSssTTTOP!!!
Siamo in Ottobre...com'è questa follia primaverile? Davvero stà dando alla testa pure a me tutto sto strano momento: qui a Ferrara sembra arrivata primavera, non pare imminente l'autunno....eppure, farfalle svolazzanti, campagne fiorite, magnolia che profuma....  tutto è un movimento, non un prepararsi all'inverno....
Vabbè, meglio chiamarlo prima di perdersi completamente la crapa... per me è tardi, ma forse per molti no... ;-)

Come chiamarlo? Bhè si può cominciare con una bella ricetta di Come un Fiorellino di Rosmarino...magari ripescando nel libro delle ricette della nonna... e tutto grazie ad Ornella e Anna che hanno creato
Quanti Modi di Fare e Rifare...  così si unisce alla lista di ricette rifatte anche questa..le Palline di Semolino di Nonna Adele, realizzate in casa delle Alpine, buonissime, davvero....

Palline di Semolino "col trucco"..  ovvero palline senza glutine

Ecco..io come sempre le ho dovute adattare alle mie esigenze...  tanto per cominciare il semolino, notoriamente, deriva dal grano..quindi glutine puro.Per fortuna ci sono diverse possibilità per recuperare...  ma con ordine, cominciamo con la lista degli ingredienti:

1 litro latte vaccino                       IO:  1 litro latte di soia *che sia senza glutine!!     
250 g .semolino di grano              IO: 270 g Semola di Riso (Zangirolami di Codigoro)
uova 3 rossi                                  Uguale
 50 g burro                                   40 g olio EVO
formaggio grattugiato                   IO: pane grattugiato senza glutine  
parmigiano Reggiano gr. 50         IO: 50 g pane gartuggiato senza glutine
sale 2 pizzichi                                Uguale


                                                      Un po' di Parmigiano per spolverare il piatto delle pesti 
                                                       per condire il piatto no latte: pomodorini datterini raccolti di fresco 
                                                      nell'orto saltati con cipolla

Ecco qui... bhè infondo non è cambiato nulla..vero? Stavolta mi corrono dietro, me lo sento!
In breve.. a casa ho due diete, se escludiamo la ricerca del ferro per due persone che sono senza..(io e la peste piccola) quella del toglierlo a  chi ne ha troppo..e nel frattempo abbassare il colesterolo al pestifero...togliere pure i latticini del quale non si può nutrire..e la dieta senza glutine della peste piccola...  un bel mix...  ma quando posso evitare di riempire casa con pentole ovunque...(ho solo 4 fuochi e pure stretti nel fornello) ci dò dentro con i cambi...
Da qui il latte di soia, lo uso spesso per i salati, il pan grattato (gf) al posto del formaggio non è una soluzione strana..anzi, dà un tocco diverso...e infine la protagonista, la semola di riso, identica per tutto..tranne che per il colore, a quella di grano... ma senza glutine.
Volendo esiste semolino per bambini da utilizzare, ma non lo amo...oppure la polenta bianca veneta, perchè no?! Un bel mais bianco, veramente buono...Ma io abito a Ferrara, una delle patrie del riso, anzi..il riso è una delle Perle della mia provincia, le mondine sono ricordi ancora vivi nelle menti, e le risaie spopolano gialle in questo periodo di raccolte..così... si gioca in casa al 100 per cento!


La ricetta, ingredienti modificati a parte, è stata eseguita come da originale delle Alpine, qui è spiegata meravigliosamente con un favoloso passo passo (glutinoso), ma identico a quello sglutinato.
Forse solo una cosa cambia..il finale..ovvero non fatele venire a galla del tutto se le fate senza glutine, ripescatele mentre salgono, sennò potrebbero assorbire troppo umido e sfaldarsi precocemente.
Poi spolverarle con Parmigiano grattugiato o pan grattato senza glutine.... magari poco burro e ciuffetti di profumata salvia... mentre per il pestifero ci siamo inventati un condimento ad 'hoc..ovvero ho saltato e lasciato appassire in un padellino cipolla a "giuliette" piccine e pomodorini datterini raccolti poco prima nell'orto che ancora produce verdure estive... ed ecco anche le sue palline, senza latte e glutine.


Mangiate il giorno successivo, ripassate velocemente in microonde, sono favolose: i sapori si sono amalgamati, le palline indurite meglio... eh si, ne sono rimaste ma un perchè c'è: le dosi della ricetta delle Alpine sono per 6 persone.. non che ne siano rimaste molte..non vi dico la lotta per mangiarle..le pesti non volevano ancora e ancora..   e ancora!!